Nuovi cassonetti per la differenziata, il COSMARI lancia una campagna shock di sensibilizzazione

0
281

Pronti i nuovi cassonetti per la raccolta differenziata che dal prossimo autunno sostituiranno i vecchi bidoni: ci sarà l’immagine di Greta Thunberg allo scopo di sensibilizzare i cittadini ad un corretto smaltimento dei rifiuti.

Nonostante la provincia di Macerata si attesti al vertice della classifica delle provincie delle Marche per la raccolta differenziata con il 75%, non si abbassa l’impegno del consorzio di riciclo COSMARI con sede a Sforzacosta che lancia una campagna shock di sensibilizzazione per motivare soprattutto le nuove generazioni alla raccolta differenziata spinta. A questo scopo, corredati dall’immagine della nota eroina svedese conosciuta da tutti i millennials, appariranno presto nelle nostre strade cassonetti nuovi per la raccolta di materiale disparato che oggi finiva inevitabilmente nell’indifferenziato.

Una volta imparato a districarsi fra i vari colori si potrà differenziare praticamente tutto. Sotto lo sguardo vigile della ragazzina scandinava continueremo a smaltire oggetti come pile esauste e medicinali ma anche oggetti che sarebbero finiti nell’indifferenziato come test di gravidanza usati, carta forno sporca, cotton fiocc, cd, libri di Fabio Volo* ecc..

Ci rivolgiamo soprattutto alle nuove generazioni che crediamo molto sensibili alle tematiche ambientali ” dichiara il responsabile della comunicazione del COSMARI Guelfo GhibelliniDegli anziani ci importa poco: sono diffidenti e tendono a differenziare male, ma tanto fra pochi anni saranno tutti morti. Per questo abbiamo scelto l’immagine di Greta Thumberg capace di mobilitare le coscienze di milioni di ragazzi in tutto il mondo e far capire quanto sia importante la raccolta differenziata. Il nostro obiettivo è rifiuti zero entro 5 anni.

Vedremo la reazione dei cittadini entro pochi mesi. Il problema è che sono previsti almeno 24 tipi di cassonetti diversi che invaderanno vie e marciapiedi con un problema di estetica urbana seriamente compromesso, ma se vogliamo salvare ciò che resta del pianeta dobbiamo rassegnarci anche a questo.

*I libri di fabio volo non possono essere smaltiti nella carta in quanto tossici

 

 

 

Commenta:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.