Decreto sicurezza bis: sarà vietato scaccolarsi in auto

0
906

In dirittura d’arrivo il nuovo decreto legge sulla sicurezza che segue a pochi mesi di distanza il primo varato con successo dal ministro degli interni Salvini. Norme stringenti in molti campi. Si va dal divieto di mettersi le dita nel naso mentre si è alla guida al divieto di scartare il grasso dal prosciutto crudo fino ad arrivare alla multa per chi salva persone in mare.

Ad una prima lettura sembra un’ accozzaglia di norme senza senso ma che, come chiarisce una nota del Viminale, “serviranno a rendere più sicuro il nostro territorio grazie soprattutto all’imposizione di comportamenti che educano i cittadini ad azioni più civili in armonia con la maggior parte dei paesi in via di sviluppo.”

Emergerebbe infatti da uno studio commissionato dai medici specialisti in otorinolaringoiatria, che ripulirsi il naso durante la guida è una pratica particolarmente diffusa nei guidatori e non solo quando si è fermi al semaforo, che causa decine di incidenti all’anno per distrazione sopratutto nel momento in cui si deve decidere dove apporre il prodotto estratto dalla cavità nasale; così come la pratica barbara di scartare la parte grassa dal prosciutto crudo; dopo l’approvazione del decreto diventeranno atti sanzionabili con multe e nei casi di recidiva con l’arresto in flagranza.

Multe per chi scarta il grasso dal prosciutto

 

Stralciato all’ultimo momento grazie al M5S l’emendamento che prevedeva sanzioni per chi salva lupi, cinghiali e orsi marsicani che si trovano in difficoltà in montagna; resta invece la parte che prevede multe che vanno da 3.500 fino a 5.000 euro per ogni persona salvata in mare. C’è anche il divieto di stringere le mani altrui quando le si hanno sudate.

Sanzione da 500 a 1500 euro anche a chi pubblica sui social foto di gattini per più di quattro volte in un mese (viola la loro privacy), norma questa che interpreta l’evoluzione delle tecnologie e dei costumi sociali. Restiamo in attesa della definitiva approvazione prevista a giorni.

 

Commenta:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.