1° Maggio all’Abbadia di Fiastra: interverranno i caschi blu dell’ONU?

0
562
Il primo contingente di perlustrazione

Abbadia di Fiastra (MC), il grande esodo previsto per il giorno del 1° maggio che porterà centinaia di migliaia di pellegrini della “merennata” ad invadere il nostro territorio ha allarmato la protezione civile di Macerata che prevede non meno di 75.000 persone all’ Abbadia di Fiastra: ” con queste cifre non saremo in grado di garantire l’ordine. Intervengano le Nazioni Unite”.

Sembra infatti allo studio da parte della Protezione Civile di Macerata in accordo con l’Ente provinciale dei comuni delle comunità montane e degli enti parco della regione Marche con la guardia costiera di Grottammare, l’ipotesi di chiamare una forza di interposizione con missione di Peace-keeping allo scopo di garantire l’incolumità dei festanti.

Foto di repertorio

Rigide regole saranno emesse quali: Non più di 75cm quadrati a testa di prato pubblico se single, 150 se in coppia senza bimbi e ( eccezionalmente) un metro per uno o più figli a seguito (occasioni speciali per Neocatecumenali); vietato giocare a pallone, Cricket e Curling, niente elioterapie e vietato fumare (canne). Risulta evidente la difficoltà oggettiva di mantenere la pace in una situazione di estremo disagio come quella che si andrà a presentare, necessario quindi l’intervento pacificatore di professionisti.

In attesa di una risposta del segretario ONU António Guterres, il presidente dell’ente parco Abbadia di Fiastra Giustino Brandini insieme all’Abate del Monastero dei Monaci Circensi Clodoveo d’Assisi emana un appello ai cittadini: “Raccomandiamo di non uscire di casa il 1° Maggio e, in caso contrario di non recarsi all’abbadia di fiastra se non per assoluta necessità”

Il parcheggio del parco in un giorno qualsiasi

Rimane la speranza di una pioggia ristoratrice.

Commenta:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.